Hotel Miorelli

Hotel Miorelli

TORBOLE

Il paese è arrampicato sul declivio calcareo delle pendici del Monte Baldo, con le case disposte ad anfiteatro sul golfo.
Grazie alla sua ventilata posizione e al divieto di navigazione ai motoscafi è divenuto centro velico e surfistico di risonanza internazionale e costituisce un autentico paradiso per gli appassionati che considerano questa zona una capitale degli sport d'acqua. Di Torbole e dei suoi straordinari venti scrisse entusiasta il grande Goethe come di "una meraviglia della natura, uno spettacolo incantevole". Una parte di Torbole, certamente la più suggestiva, ha conservato l'aspetto originale del paesino di pescatori e barcaioli nato in secoli lontanissimi.
L'angolo più pittoresco di Torbole è il porticciolo con le caratteristiche costruzioni della Vecchia Dogana (sec. XV) e di Casa Beust, già cenacolo di artisti nel secondo dopoguerra. Angoli caratteristici ricordano il passato e la tradizione, come la piccola casetta del "dazio", retaggio del periodo austroungarico, posta all'ingresso del piccolo porto, o la stretta piazza centrale, dove una lapide ricorda il soggiorno di Goethe. Torbole fu paese prediletto di molti pittori tedeschi che nella selvaggia bellezza dei luoghi trovarono ampia ispirazione per le loro opere.
NAGO, spettacolare porta sul lago, guarda dall'alto come quando, cittadella arroccata ai piedi di Castel Penede, sorvegliava il passaggio della Valle dell'Adige verso il lago. Il posto è uno dei più incantevoli della zona, interessante per la ricca vegetazione mediterranea, per gli stupendi panorami sull'intero Lago di Garda e per la presenza dei ruderi del castello (XII sec.) attorniato da un bel parco. Nel territorio di Nago-Torbole è compreso anche il Parco Naturale del Monte Baldo chiamato, per la sua ricchezza botanica, "Giardino d'Europa". Moltissime le specie di vegetali esistenti in questo meraviglioso habitat naturale e numerosi gli endemismi presenti che lo hanno reso celebre al mondo e che richiamano studiosi e turisti.